Gli svincoli micidiali di una città dall’anima forte

Andiamo a Genova coi suoi svincoli micidiali. Con queste parole Francesco De Gregori, nella sua canzone Viaggi e miraggi, descrive questa caratteristica della città. Ha ragione, Genova non è solo una città di salite e discese, di carruggi e piazzette, di curve e tornanti, è anche una città di svincoli e viadotti.

Il Ponte Morandi non è l’unico, basta percorrere lo svincolo dell’uscita autostradale di Genova Nervi per rendersene conto: una strada sospesa in cielo che ti sembra di ammarare.

Genova è striscia di case, stretta tra mare e monti. Gli spazi vanno inventati, scoperti tra le terrazze collinari, ricavati tra le strette case dei carruggi, inventati, appunto, in cielo.

Il Ponte Morandi fu realizzato in quattro anni, tra il ‘64 e il ‘67. Non collegava solo l’area cittadina a quella periferica, il levante al ponente, collegava l’Italia alla Francia. Un’opera immensa interamente in cemento armato, un ponte di ben oltre un chilometro, con piloni alti quanto grattacieli di trenta piani.

Continua la lettura su Strade

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...