Vicenda OPEN: volete ucciderci, ci renderete immortali.

Hanno creato un clima infame. Bettino Craxi aveva tutte le ragioni quando, accerchiato dall’azione giudiziaria, dall’accanimento giornalistico e dal lancio delle monetine da parte del “popolo” (se preferite, “gente”), pronunciò queste parole.

Si trattava dello stesso clima infame che sarebbe stato creato dieci anni dopo, durante l’epopea di Silvio Berlusconi. Si tratta dello stesso clima infame con cui si sta cercando di ostacolare l’iniziativa politica di Matteo Renzi.

Craxi, Berlusconi, Renzi. C’è un fil rouge che lega queste vicende? C’è, eccome se c’è. So di non rendere un buon servizio a Renzi nell’accostare il suo nome a quelli di Craxi e Berlusconi, ma onestà intellettuale vuole che sia così.

Apriamo il capitolo Craxi.

Parliamo degli anni ’80. L’iniziativa politica di Bettino Craxi è mossa da un sicuro intento innovatore.

Egli si pone l’ambizioso obiettivo politico di rompere lo schema che attanaglia la democrazia italiana, uno schema che affida alla Democrazia Cristiana la guida del Governo e al Partito Comunista l’egemonia dell’opposizione, ognuno col suo spazio di potere. Il prezzo da pagare per mantenere quel sistema è davvero alto: l’Italia è l’unico paese al mondo governato da quarant’anni dalla stessa forza politica.

In altri termini, non esistono le condizioni per una normale democrazia dell’alternanza.

Ma alla DC va bene così e si capisce, ma anche al PCI va bene così, così tanto bene che Enrico Berlinguer, segretario del Partito Comunista, teorizza la strategia della “solidarietà nazionale”, un sistema ancora più bloccato, che veda governare insieme DC e PCI, sotterrando definitivamente ogni aspirazione alla creazione di un sistema democratico fondato sulla possibilità dell’alternanza alla guida del governo.

Si alza una sola voce a spezzare questo abominio, quella di Bettino Craxi e questo non gli viene perdonato.

Così diventa il nemico numero uno, da demonizzare in ogni modo, il principale destinatario degli strali berlingueriani sulla famigerata “questione morale”, madre della retorica grillina dell’onestà. Pur di far fuori Craxi, si fa fuori, con tangentopoli,  un intero ceto politico.

Funzionò. Craxi fu umiliato e sconfitto. Scelse di morire da esule.

Quella strategia, fondata sulla complicità tra magistrati politicizzati e giornalisti conniventi, funzionò così bene che la si utilizzò anche per far fuori il nuovo avversario politico, Silvio Berlusconi. E così siamo agli anni ‘90.

Anche Berlusconi è mosso da un intento innovatore. Fatti fuori la DC e il PSI, un PCI rinnovato nel nome (PDS) ha ormai campo libero, in uno scenario nuovamente privo di una normale dinamica fondata su una possibile alternanza: il PDS è l’unico partito sopravvissuto alla tempesta di tangentopoli. Ancora una volta si alza una sola voce a squadernare la scena, questa volta è quella di Silvio Berlusconi.

La sua geniale iniziativa politica genera un nuovo bipolarismo e, di fatto, determina una normale dinamica democratica, dinamica dalla quale esce vittorioso, annichilendo la “gioiosa macchina da guerra” messa in piedi da Achille Occhetto, leader del PDS. Berlusconi diventa il nuovo nemico. Va fatto fuori ad ogni costo.

Si dà vita ad un pervicace accanimento giudiziario, accompagnato da una campagna d’odio di stampo moralistico. Berlusconi tiene duro. Forse non ci si aspettava un combattente così fiero.

Per riuscire a comminargli una condanna in ragione di una discutibile e, fatte le debite proporzioni, modesta elusione fiscale, si rendono necessari cinquanta procedimenti e cinquecento perquisizioni. Contrariamente a Craxi, Berlusconi non ne esce umiliato e sconfitto, ma certamente fortemente indebolito, ragione per cui ha progressivamente perduto la leadership del campo del centro-destra, successivamente occupato dalle più becere pulsioni autoritarie.

Così, e siamo ai giorni nostri, viene il tempo del terzo innovatore, Matteo Renzi. Siamo negli anni 2000. Egli si propone sulla scena politica con l’intento di rottamare quella cultura catto-comunista che impedisce la generazione di un polo politico moderno, di stampo liberale e democratico, fondato su una narrazione positiva della nuova epoca.

Apriti cielo. C’è però una differenza con gli innovatori che lo hanno preceduto: mentre Craxi e Berlusconi, in modi diversi, “c’hanno messo del loro”, prestando il fianco ai loro persecutori, sembra proprio che negli armadi di Matteo Renzi non si celino scheletri. Per questa ragione, l’azione giudiziario-giornalistica nei suoi confronti, assume contorni ancora più violenti di quanto non sia stato per i suoi predecessori. Non ci sono scheletri negli armadi? Come facciamo? Dapprima, in perfetto stile mafioso, si è cercato di colpire i famigliari. Non trovando granché neppure lì, non si è esitato a cercare di confezionare prove false, coinvolgendo pezzi corrotti dello Stato, un fatto che in qualunque paese normale avrebbe generato un’indignazione generale, ma che in Italia è stata considerata una simpatica malandrinata. Ma non ha funzionato, non tutte le istituzioni (e, ovviamente, non tutti i magistrati, ci mancherebbe) si genuflettono di fronte alla furia giustizialista. Si sono dunque arresi? Certo che no, la costituzione di Italia Viva per costoro è affronto inaccettabile.

Allora ecco la trovata geniale: non riusciamo a colpire lui? non riusciamo a colpire i suoi famigliari? colpiamo i suoi sostenitori!

Va letta così l’agghiacciante iniziativa volta a intimidire le persone che liberamente hanno sostenuto anche economicamente l’iniziativa politica di Matteo Renzi. 

Si tratta di un salto di qualità formidabile che ci chiama alla resistenza civile e ci unisce: siamo tanti e siamo disposti ad affondare con la nave. Non hanno capito che questa vicenda non ci spaventa e non ci logora, ci rende più forti e convinti di prima, consapevoli del nostro inevitabile e crescente successo.

Come dicono i nobili guerrieri, volete ucciderci, ci renderete immortali.

La Lega non è di destra

Lo so, è un titolo un po’ incomprensibile, per molti inaccettabile. Attraverso questo titolo voglio stressare un concetto che cerco di argomentare nel seguito.

Le elezioni regionali umbre ci dicono qualcosa  rispetto all’opportunità delle attuali alleanze politiche, ma ci segnalano anche alcuni trend di scenario politico.

La prima considerazione riguarda il trend del Movimento 5 Stelle: perde consensi quando alleato con la Lega (vedi precedenti elezioni regionali), perde consensi quando si presenta in autonomia (vedi elezioni europee), perde consensi quando si presenta in alleanza col PD, come dimostrano appunto le recenti consultazioni regionali umbre.

Sembra che il Movimento 5 Stelle abbia esaurito il suo senso, abbia compiuto la sua missione e non abbia più alcunchè da dare alla vita politica italiana.

E proprio così? In effetti, il populismo in Italia si è affermato grazie al grillismo. La lega, tradendo le sue origini, si è aggregata successivamente al fronte e populista, potenziandone la già presente vocazione autoritaria.

Da sempre e in ogni dove, il populismo ha vita breve: si trasforma in autoritarismo o abilita opzioni autoritarie.

Le passate esperienze totalitarie italiana e tedesca nascono da movimenti populisti. Il fascismo nasce da una costola ribellista della sinistra italiana, sedicente rappresentante del popolo, con una vocazione fortemente “sociale“. La stessa esperienza totalitaria tedesca nasce da un “movimento di popolo“ degenerato in nazional-socialismo. Anche le esperienze populiste dell’America latina raccontano come il populismo abiliti opzioni autoritarie: tutte le esperienze richiamabili al peronismo sono degenerate in regimi totalitari.

Questo ragionamento induce a pensare che il successo della Lega altro non sia che la rappresentazione della degenerazione autoritaria della narrazione grillina.

Per contrastare tale narrazione e tale degenerazione, è necessario mettere mano a una narrazione alternativa: non è certo sufficiente limitarsi a denigrare quella dell’avversario. Occorre superare il “pensiero contro“.

Tale narrazione alternativa deve essere appetibile per qualunque elettore, nessuno escluso, e deve quindi essere trasversale rispetto allo schema destra/sinistra.

In effetti, tanto la narrazione grillina, quanto la sua degenerazione autoritaria in salsa leghista, sono trasversali rispetto allo schema destra/sinistra. Ricordate quando il primo governo Berlusconi prese in esame l’abolizione dell’articolo 18? La sinistra e i sindacati si strinsero attorno all’idea che l’abolizione dell’articolo 18 avrebbe “leso i diritti fondamentali dell’uomo“. È difficile immaginare un’argomentazione più populista di questa. La vocazione assistenzialista grillina viene anche da lì, c’è poco da fare. Ricordate quando quello stesso governo, per l’esattezza attraverso la voce del ministro Dini, lanciò un grido d’allarme rispetto alla sostenibilità del sistema pensionistico? La sinistra e i sindacati si unirono di nuovo nel pensiero contro, proponendo lo slogan “le pensioni non si toccano“. Ancora slogan simili a bufale, ancora populismo. La vocazione assistenzialista della Lega, viene anche da lì, c’è poco da fare. D’altronde, lo stesso giustizialismo grillino affonda le sue radici nel bacchettonismo anti-berlusconiano che fu del PD e in generale della sinistra e nella stessa “questione morale” di berlingueriana memoria. D’altro canto, la stessa questione dei migranti non rappresenta, come invece molti sostengono, un discrimine tra destra e sinistra: la libera circolazione delle merci e delle persone è un principio liberale, non socialista; d’altronde i veri esperti di costruzione di muri sono i regimi comunisti, piaccia o no.

Questo spiega perché così tanti elettori “di sinistra“ scelgono oggi la Lega. Tra una narrazione populista in cui si riconoscono antiche radici “di sinistra” e una non-narrazione, scelgono una narrazione populista.

Esattamente come, qualche tempo fa, tra lo slogan “aboliamo l’ICI“ e lo slogan “smacchiamo il giaguaro”, molti scelsero la prima opzione: meglio una proposta semplice e banale di una non-proposta. Fu così che Bersani riuscì a perdere elezioni che sembravano già vinte, contro un avversario in difficoltà, condannato in via definitiva, isolato in Europa.

Il vero confronto oggi non è tra la sinistra e la destra (o, come si dice per motivi a me misteriosi, tra la sinistra e “le destre”), il vero confronto è tra un’opzione populista e un’opzione che ancora, compiutamente, non c’è.

Le forze tuttora prigioniere dei vecchi steccati, cercano invece una risposta in illusorie e antistoriche alleanze con pezzi del fronte populista. È il caso del PD e della sua voglia di alleanza strutturale coi populisti del Movimento 5 Stelle, è il caso di Forza Italia e del suo vile asservimento alle pulsioni autoritarie leghiste.

Italia Viva è l’unico soggetto politico che ha oggi la realistica possibilità di costruire un’alternativa oltre gli steccati.

Ci vuole però coraggio. Il coraggio di rivolgersi davvero a tutti gli elettori. Il coraggio di una narrazione davvero nuova. Il coraggio di proporre nuove parole. Il coraggio di iniziare davvero una nuova storia, oltre il PD, oltre i suoi stereotipi, oltre la stessa Leopolda.

È il tempo di sporcarsi le mani

C’era un popolo senza casa, un popolo che si sentiva distante dai massimalismi, di destra e di sinistra. Un popolo orientato alle soluzioni, stufo dell’imperante “pensiero contro”.

Quel popolo senza casa ora una casa ce l’ha. È una casa perfetta? Forse no. È la casa ideale? Forse no. D’altronde, la pretesa della perfezione è una delle principali fonti di immobilismo: l’innovazione passa attraverso la sperimentazione, l’errore, il miglioramento.

In fondo, la pretesa della società perfetta è alla base della cultura politica Grillina: qualunque miglioramento va osteggiato in quanto non perfetto. Fu così per tutte le sacrosante riforme del governo Renzi, fu così nei confronti di qualunque genere di infrastruttura, fu così in occasione del referendum costituzionale. Costoro rivendicano il mondo perfetto, ma sono specialisti nel lasciare quello reale così com’è.

Per anni, chi si è sentito parte di questo popolo senza casa, ha lamentato la mancanza di una forza politica che andasse oltre i vecchi steccati, accogliente per chiunque, oltre le passate etichette. Ora che questa casa c’è, ed è Italia Viva, alcuni storcono il naso: sì ma Renzi è troppo ambizioso, sì ma è un partito personale, sì ma Renzi non è coerente.

Si tratta di argomentazioni tipiche di quei sinistri sinistri che, a forza di restare “coerenti”, sono rimasti ancorati a polverosi paradigmi novecenteschi. Ma oggi queste argomentazioni, chiamiamole così grazie a un impeto di benevolenza, sono proposte anche da un certo mondo “liberale“. Si tratta dei liberali duri, puri e coerenti. Dal punto di vista dell’atteggiamento politico, sono i nuovi “comunisti”: convinti di essere diversi e antropologicamente superiori, pretendono chissà quale rivoluzione, ma non si sporcano le mani e, guardando con snobismo l’unico realistico fattore di cambiamento, rinunciano a migliorare alcunché.

Per quanto mi riguarda, ho scelto di sostenere attivamente Italia Viva. Sostengo Italia Viva tramite l’iniziativa di Umanisti 4.0.

Di cosa si tratta? Al nostro sito puoi saperne di più.

Noi di Umanisti 4.0 vogliamo che Italia Viva si ponga davvero oltre ogni vecchio steccato, nei comportamenti e nelle scelte, non solo negli slogan. Vogliamo che Italia Viva proponga una narrazione autenticamente alternativa a quella populista, sia essa di stampo leghista sia essa di stampo grillino.

Siamo convinti che il vertice di Italia Viva sia sostanzialmente allineato con il nostro pensiero. Abbiamo però l’impressione che la “pancia“ del partito sia in buona parte tuttora ancorata a vecchie logiche. Per questo è necessario l’impegno diretto del popolo senza casa, del popolo oltre i vecchi steccati, del popolo senza etichette.

Grazie a questo impegno diretto, Italia Viva potrà essere il partito dei nuovi protagonisti e non il partito degli ex PD, potrà essere il partito del 30% da mettere al servizio della democrazia e non il partito del 5% da far pesare al tavolo del centro sinistra. Grazie a questo impegno diretto, Italia Viva potrà adempiere a un compito storico. Stavolta vale davvero la pena di mettersi in gioco.

Per iscriverti a Italia Viva

Per iscriverti al Comitato Umanisti 4.0

Per mettere il tuo like alla nostra pagina Facebook

Per visualizzare il video illustrativo di Umanisti 4.0

Italia viva, oltre gli steccati.

Da tempo penso e scrivo che occorre dare una casa a quel “popolo” che non si riconosce nel neo populismo (Cinque stelle, Lega, Fratelli d’Italia) né nei vecchi steccati di una destra asservita alle più becere tendenze autoritarie o di una sinistra che continua a strizzare l’occhio al ribellismo e al giustizialismo grillino.

Sembra proprio che ora questa casa ci sia: Italia viva.

Per quanto mi riguarda, ho scelto di sostenere questa iniziativa, pur consapevole delle insidie che potrà incontrare e degli equivoci che dovrà superare per potersi davvero affermare.

Ho partecipato a Leopolda 10 e quindi al momento costitutivo di Italia viva. Ho immaginato cosa avrei potuto dire se mi fosse stata data, per assurdo, la possibilità di intervenire.

Ecco cosa avrei detto.

Invito chi mi segue ad aderire al Comitato Umanisti 4.0. Abbiamo bisogno di nuove energie, di nuove idee, dell’esperienza di chi vive i paradigmi della nuova epoca nel sociale, ma anche nell’impresa.

Fighetti saputelli

Come ho già avuto modo di argomentare, la scelta di Matteo Renzi di promuovere la formazione di un nuovo governo, ha procurato in un sol colpo una serie di vantaggi.

Alcuni sono di natura tattica, ad esempio l’aver messo in un angolo il suo principale avversario politico, Matteo Salvini.

Altri sono di natura economica e riguardano le probabili conseguenze negative che avrebbe avuto il ricorso a un esercizio provvisorio nel caso di elezioni anticipate.

Il vantaggio principale è però, di gran lunga, di tipo politico. Le elezioni anticipate, che appunto sono state scongiurate, si sarebbero svolte in un quadro politico molto poco chiaro a causa della mancanza, di fatto, di una realistica alternativa alla proposta neo-populista.

Il Governo Conte Secondo consente alle forze politiche di completare i loro percorsi e di delineare così un quadro politico più chiaro e comprensibile per l’elettore.

In particolare, possono organizzare la propria proposta politica quelle forze che ritengono di dover mettere mano a un’alternativa al populismo nel suo complesso, quindi tanto a quello grillino, quanto a quello leghista.

Naturalmente, il primo a usufruire di questo vantaggio è lo stesso Matteo Renzi che può dare vita al nuovo partito di Italia Viva.

Renzi non è l’unico a trarre vantaggio da questa situazione, ne traggono infatti vantaggio anche altri protagonisti e altre forze, in particolare Carlo Calenda e Più Europa. Nel caso di elezioni anticipate, Calenda sarebbe rimasto nel PD a dire “faccio un partito, ma forse no, ma forse lo faccio ma resto nel PD“ e Più Europa, non godendo più dell’esenzione dalla raccolta firme, sarebbe scomparsa dalla scena politica.

Calenda e più Europa usufruiscono così, come e più di Renzi, dell’enorme vantaggio regalato loro dalla scelta di dare vita a un nuovo Governo, ma non se ne assumono la responsabilità e fanno i duri e puri all’opposizione. Per me si tratta, nella migliore delle ipotesi, di opportunismo politico, nella peggiore di miopia.

Ho espresso questa mia opinione su Twitter, particolarmente commentando un post dello scrittore Andrea Cerri. Ciò ha scatenato una bagarre che desidero condividere con voi.

Cerri scrive: Chi ha sempre combattuto il M5S e quello che rappresenta, adesso come adesso, può guardare solo a #Calenda Questo è. Ma purtroppo è solo.

Io commento: Calenda può organizzare il suo partito prima delle prossime politiche solo perché Renzi, grazie all’idea di questo governo, gli regala il tempo per farlo. Calenda e più Europa usano questo vantaggio facendo i duri e puri all’opposizione. Per me è opportunismo.

Un normale confronto tra “intellettuali“.

Ma ecco il colpo di scena, l’intervento a gamba tesa dello stesso Calenda. Egli interviene nella conversazione tra Andrea Cerri e me, ritwittando e commentando il mio post con le seguenti parole: Bimbo se non si fosse fatto questo Governo sarei felicemente nel PD. E come ho detto alla festa dell’Unita di Ravenna ero pronto a combattere senza paracadute in un collegio uninominale. Nessuno mi ha regalato nulla. Vola basso.

Bimbo vola basso. Un linguaggio da bullo di periferia. Per di più utilizzato nei confronti di un suo follower che fino ad oggi lo aveva comunque seguito con simpatia. Si tratta di una cosa più triste che sconcertante: Calenda conta così poco ed è considerato così poco dai veri protagonisti della politica, che si mette a polemizzare con me.

Come è facile immaginare, dopo un commento così volgare, le sue truppe cammellate, ognuno ha le sue, si sono sentite autorizzate a un martellamento di commenti sarcastici di ogni genere nei miei confronti.

Chi mi conosce sa che sono normalmente persona schietta, ma gentile e cordiale. Chi mi conosce sa anche che se uno fa il furbo mi trova. Sempre. Ovviamente anche se si chiama Carlo Calenda. Per questa ragione ho ritenuto di rispondere pan per focaccia: Solo un coglione può dare del “bimbo” a un sessantenne da cui oltretutto è sempre stato molto apprezzato. Quindi sono molto stupito.

Non pago, il buon Calenda ha ritenuto di continuare nella polemica con le seguenti sarcastiche parole: Scusa. Dal tweet pensavo avessi età diversa.

A questo punto, consapevole di essere stato trascinato all’asilo Mariuccia, ho scelto di chiudere la noiosissima polemica: Io invece pensavo che avessi spessore diverso, ma mi sono ricreduto da un po’. Con questo ovviamente chiudo.

Naturalmente le truppe calendiane hanno continuato a trollare fino ha sera inoltrata. Ciò che è peggio è che il prode Calenda li abbia ulteriormente aizzati ritwittando e commentando le mie parole conclusive: Vedete Alessandro è esempio perfetto di quello che dicevo. Scrive su un tweet che sono UN opportunista ma non accetta l’incipit della mia risposta ironica “bimbo”. Vale a dire “solo io cittadino posso maltrattarti, tu sei un politico e quindi buono e incassa”. Uno vale due.

Calenda sostiene di poter pubblicamente irridere un suo follower che propone un rilievo politico (in una conversazione con persona terza) e di potergli dare del grillino se, allibito, reagisce. Tristezza infinita.

Me ne rendo conto, è stato un resoconto un po’ noioso, ma ho voluto condividerlo nel dettaglio e documentarlo.

Questa esperienza rafforza la mia opinione intorno al gruppo di persone che diede vita al movimento di Luca Cordero di Montezemolo, Italia Futura di cui Calenda era coordinatore: fighetti saputelli.

Italia Viva si tenga ben distinta e distante dai sinistri duri e puri, ma anche dai liberali duri e puri di ogni fatta. Essi sono convinti di possedere il verbo, si sentono antropologicamente superiori, proprio come e quanto i sinistri duri e puri. Di diverso, lo dico per esperienza, hanno una maggiore e patologica propensione a seminare zizzania. Tenersi alla larga.

Sinistra, centro-sinistra o vera alternativa?

Taluni non riescono proprio a farsi una ragione del fatto che si vada incontro ad un nuovo bipolarismo che non vede più come centrale la contraddizione tra destra e sinistra.

Così in certi ambienti continua a imperversare lo stucchevole dibattito su come ripensare la sinistra, utilizzando spesso l’ormai insopportabile formula retorica “la sinistra deve ripartire da“. Taluni rispondono che la sinistra dovrebbe ripartire dall’alleanza con i 5 stelle. Contenti loro…

La realtà è tutta diversa. Con la caduta del muro di Berlino, il marxismo è caduto in disgrazia insieme al muro. Così la sinistra, orfana di un’ideologia, ha iniziato a guardarsi intorno, ha cercato nuovi appigli, nuove sponde. Così si è fatto ricorso al giustizialismo, al bacchettonismo, alla cultura del nemico (prima Craxi, poi Berlusconi, poi financo Renzi), finendo per riproporre l’idea secondo la quale “essere di sinistra” indicherebbe una superiorità culturale, intellettuale e addirittura morale. Insomma, pur di giustificare la propria esistenza, si è sostituita una categoria politica con una categoria antropologica, pensiero intellettualmente scadente e politicamente pericolosissimo.

No, anche le categorie politiche hanno un ciclo di vita. Facciamocene una ragione.

Eppure c’è chi insiste e continua a contestare a Matteo Renzi, non già l’efficacia delle sue proposte e delle misure del suo governo, ma quanto esse siano etichettabili come “di sinistra”. Basta, non se ne può più. Anche la rivendicazione, talora utilizzata dallo stesso Renzi, della “sinistritá” di iniziative quali le unioni civili e l’attenzione alla gestione del processo migratorio, appare oggi una risposta debole: l’attenzione ai diritti civili, la propensione all’interscambio culturale, la stessa sensibilità verso l’ambiente, non sono esclusive della sinistra, sono temi ampiamente trasversali che appartengono tanto alla cultura della sinistra liberale quanto a quella liberal-democratica.

Oggi ci troviamo di fronte a un nuovo bipolarismo, fondato sul confronto tra il Polo neo-populista, trasversale rispetto allo schema destra/sinistra, e il polo alternativo, ancora tutto da costruire.

Credo che il compito storico di Italia Viva si dipani in questo scenario. Credo che la sua principale missione politica consista proprio nel dare vita a una forza fondata su una narrazione alternativa a quella neo-populista, coerente con i paradigmi dell’epoca 4.0, potenzialmente attraente per qualunque elettore, indipendentemente dalla sua “provenienza politica”.

Se queste considerazioni hanno un senso, allora Italia Viva é chiamata a dare una risposta inequivocabile, spudorata e disarmante a chi chiedesse se Italia Viva sia “di sinistra”: no. No, perché la sua missione non deve consistere nel ripensare la sinistra, ma nel costruire il polo alternativo a quello neo-populista.

Solo così facendo, Italia Viva eviterà il rischio di diventare il partito degli ex-PD e potrà proporsi come il partito dei nuovi protagonisti. Solo così facendo, potrà resistere alla tentazione di diventare il partito del 5% da far pesare al tavolo del centro sinistra e potrà davvero lavorare per diventare il partito del 25% da mettere al servizio della democrazia italiana.

Tutto ciò non é scontato. Vedremo. Confido più in Renzi che nei renziani.

I nuovi comunisti

Ho argomentato più volte come l’epoca 4.0 porti con sé nuovi paradigmi, ovviamente anche politici.

Tante parole del passato sono diventate inattuali. La parola “socialista” appare molto polverosa. Ma attenzione: anche la parola “liberale” appartiene alla vecchia epoca.

Eppure essa è diventata di gran moda. In ogni ambiente politico. Si tratta di un atteggiamento politico snobistico, fondato su una presunta superiorità antropologica. Liberali duri e puri. Liberali “coerenti”.

Si tratta di una nuova, penosa retorica. Personaggi istericamente irrilevanti che se la tirano da sale della terra. Dal punto di vista dell’atteggiamento, sono i nuovi comunisti. Mi stanno sui coglioni.

Verso un nuovo bipolarismo: istruzioni per l’uso

L’epoca 4.0 ha portato con sé nuovi paradigmi con i quali fare i conti in ogni ambito della nostra vita. Essi determinano nuove relazioni personali, sociali e politiche. In quest’ottica va letto anche l’avvento del neo-populismo che, generato dal Movimento 5 Stelle, fin da subito si è posto oltre lo schema destra/sinistra, proponendo una sua originale narrazione della realtà.

Su cosa si fonda la narrazione neo-populista? Innanzitutto sullo spostamento della “contraddizione principale” da un conflitto di classe verso un conflitto di potere, quello tra popolo e élite, per usare il linguaggio leghista e tra cittadini e establishment, per usare il linguaggio grillino. Tutto viene ricondotto a questo schema, secondo il quale i cittadini e il popolo sarebbero sempre e necessariamente buoni e inascoltati, mentre le élite e l’establishment sarebbero sempre e necessariamente intenti a ordire complotti a dispetto del popolo. Secondo questo modello, finiscono nella colonna dei cattivi in quanto riconoscibili come élite o establishment, le banche, le grandi aziende, le multinazionali, i grandi industriali, in fondo le persone di successo, quindi i professionisti più affermati, le persone di cultura.

Il neo-populismo, forte di questo modello, si rivolge a ogni singolo elettore dicendogli: non sei tu il responsabile dei tuoi mancati successi, i colpevoli vanno ricercati altrove, tra i rappresentanti dell’establishment.

Persino il processo migratorio farebbe parte di un complotto internazionale finalizzato allo scientifico sfruttamento delle masse popolari, ordito e governato da Soros, eminenza grigia della finanza, nemico numero uno dei popoli.

Qual è la narrazione alternativa a quella neo-populista? Di fatto non esiste. Non esiste perché non si ha il coraggio di muoversi sul scivoloso terreno della nuova epoca, di adottare nuovi linguaggi, di andare oltre i vecchi steccati. Così ci si concentra sul denigrare la narrazione altrui piuttosto che sul proporre la propria, finendo per ricorrere a consunte ricette o a nuovi giaguari da smacchiare.

Occorre elaborare e proporre una narrazione alternativa a quella neo-populista, tenendo presente che lo stesso schema destra/sinistra appartiene al passato: anche le categorie politiche hanno un ciclo di vita, facciamocene una ragione.

Non sarà facile, ma si farà. Basta volerlo e mettersi al lavoro. Certo, ci attende una fase incerta e turbolenta, nella quale non avranno vita facile i sostenitori di quella retorica della coerenza secondo cui bisognerebbe restare uguali a se stessi in un mondo che, nel frattempo, rapidamente cambia.

I nostalgici dei vecchi paradigmi, di parole come “socialista” o “liberale” (divenuta di gran moda, ma vecchia anch’essa) sono destinati all’irrilevanza. Il nuovo bipolarismo si muoverà sul confronto tra il polo neo-populista e quel polo alternativo che ancora non c’è, ma che stiamo costruendo. Esso dovrà fondarsi su alcuni elementi irrinunciabili:

  • Ripudio del “pensiero contro”, delle concezioni politiche fondate sul nemico, quel pensiero che, derivando dalla teoria del “nemico di classe”, ha ispirato buona parte della sinistra. Il pensiero contro, fondato sulla demonizzazione di nemici più o meno immaginari sui quali scaricare ogni responsabilità deve appartenere esclusivamente alla cultura politica neo-populista. L’alternativa deve esserne immune.
  • Equidistanza dalla destra e dalla sinistra, non certo in omaggio a un’ispirazione centrista, ma in omaggio semmai ai nuovi paradigmi della politica.
  • Orientamento a cogliere e valorizzare la bellezza della nuova epoca, oltre ogni paura, ogni reducismo e ogni snobismo, ben consapevoli che l’epoca 4.0, lungi dall’essere cinica e tecnicistica, è invece profondamente umanistica, in quanto fondata sull’idea che ciascun individuo possieda le risorse e i talenti per promuovere la propria emancipazione e dare una direzione al proprio percorso di vita.
  • Volontà di parlare a tutti i cittadini e a tutti gli elettori, tutti, dal primo all’ultimo: nell’epoca 4.0, l’elettore è “promiscuo” e ogni voto è contendibile.

Così facendo, la nascente alternativa al neo-populismo potrà rispondere ai bisogni e ai desideri di quel “popolo dei senza casa” che da troppo tempo attende un segnale.

É un popolo di individui che vogliono sentirsi persone a tutto tondo, senza etichette.

É un popolo di persone che hanno una visione umanistica della vita e, in fondo, una visione ottimistica della natura umana. Persone che desiderano affermarsi ed esprimersi, persone che di fronte ai propri mancati successi, non cercano alibi, persone guidate dal valore della responsabilità individuale.

É un popolo di persone intente a scovare il bello e dargli spazio. Non rivendicano il mondo perfetto, sono consapevoli della contraddittorietà della realtà.

É un popolo di persone aperte e inclusive che non per questo si sentono obbligate a definirsi “di sinistra”; é un popolo di persone che apprezzano le persone di successo, ma non per questo si sentono obbligate a definirsi “di destra”. Sono persone che apprezzano la riforma del lavoro renziana, ma trovano stucchevole il voler a tutti i costi definirla “di sinistra” per giustificarne l’approvazione. Sono individui che vogliono sentirsi liberi: possono votare SI al referendum costituzionale senza per questo sentirsi “renziani”; possono votare per il centrodestra senza per questo sentirsi “salviniani”; possono sentirsi un po’ liberali e un po’ socialisti senza per questo sentirsi incoerenti; possono ritenersi profondamente laici e al contempo ispirati da sentimenti cristiani.

Sono i cani sciolti dell’innovazione.

É un popolo bellissimo. Da oggi, grazie a Italia Viva, probabilmente avrà una casa.

PD-5Stelle: nuova alleanza o squadernamento?

La scelta di dare vita a un nuovo governo, sostenuto da una nuova maggioranza, affidato al Presidente del Consiglio del governo precedente, ha generato uno scenario di grande confusione. E’ per nulla facile districarsi in questo groviglio di elementi che, a seconda dei punti di vista, vengono proposti come opportunismi e  scaltrezze, la famosa “manovra di palazzo” o come saggio riferimento alle Istituzioni e alla Costituzione, omaggio della democrazia rappresentativa.

Per tentare una lettura, partiamo da alcune certezze.

  • Il Movimento 5 Stelle ha l’indiscussa primogenitura del neo-populismo in Italia. Chi pensa che i grillini abbiano subito la Lega, sbaglia. E’ la Lega che, con Salvini, si è grillizzata rinnegando la sua identità.
  • Il neo-populismo italiano affonda le sue radici nel peggio della cultura politica della destra, ma, soprattutto, della sinistra: la retorica del “popolo”, l’apologia del ribelle contro i “poteri forti”, l’idea che l’infelicità degli individui derivi dal fatto che governano i cattivi e disonesti, il pauperismo, l’assistenzialismo, la stessa apologia dei pensionati (le pensioni non si toccano), in buona parte il giustizialismo e il bacchettonismo.
  • La contraddizione principale odierna è rappresentata dal confronto tra il polo neo-populista rappresentato da M5S, Lega e FdiI e il polo che non c’è. Si, il polo alternativo al neo-populismo non c’è. O meglio, non c’è ancora. Così si finisce per ripiegare sull’illusione che l’alternativa al neo-populismo sia rappresentata da una destra liberale (la tesi di Mara Carfagna) o dalla “sinistra”, magari da una sinistra per l’ennesima volta rifondata. C’è chi vede nell’alleanza che sostiene il Conte bis, l’embrione della nuova sinistra, della sinistra 4.0. Da questo punto di vista, risulta emblematica la scena dei partecipanti alla Festa de l’Unità che cantano Bandiera Rossa nell’attesa del comizio di Nicola Zingaretti: la nuova alleanza sancita dal nuovo governo rappresenterebbe la riscossa del popolo. Costoro considerano i grillini come “compagni che sbagliano” o meglio, come compagni che hanno sbagliato e pensano che in fondo ciò che ha contaminato i buoni propositi pentastellati sia riconducibile agli interessi privati di Casaleggio: superato questo ostacolo, si potrebbero finalmente integrare i due populismi, quello comunista e quello grillino. No. L’alternativa al neo-populismo non può che nascere dai paradigmi della nuova epoca, non può che nascere oltre lo schema destra/sinistra. Occorre un grande sforzo elaborativo e generativo, lontano dai vecchi e polverosi steccati novecenteschi.

Il Conte bis nasce, si sa, grazie alla presa di posizione di Matteo Renzi. Egli ha forse proposto un’alleanza politica tra PD, 5 Stelle e LEU? Non ha forse sempre parlato di Governo Istituzionale? Il fatto che si sia giunti a un governo così fortemente caratterizzato da un’alleanza politica, è, semmai, responsabilità della miopia di Forza Italia e anche di Più Europa che hanno, di fatto, rinunciato a giocare un qualunque ruolo e finiscono per rintanarsi in un anonimato irrilevante.

Sta di fatto che la reiterata miopia di Forza Italia e le ennesime illusioni della sinistra, ampliano ulteriormente lo spazio politico per una forza autenticamente alternativa al grillismo e, in generale, al neo-populismo. Chi può più realisticamente occupare questo spazio? La flebile illusione di Più Europa è durata ben poco, Matteo Renzi è oggi l’unico leader che può svolgere questo storico ruolo. Per questo ho scelto di aderire al Movimento dei Comitati di Azione Civile, costituendo il Comitato Umanisti 4.0. Lo scopo del Comitato è proprio quello di rafforzare nel mondo “renziano” la convinzione della necessità della nascita di una nuova forza politica e smorzare l’illusione che la via consista nel rafforzare la visibilità di Renzi all’interno del PD. Chi volesse mai darmi una mano, potrebbe farlo aderendo a Umanisti 4.0. L’incertezza e la confusione di questo attuale, squadernato scenario, potrebbero essere solo la premessa di una fase nuova ed entusiasmante.

Governo sì, Governo no.

Oggi il cosiddetto popolo grillino è chiamato a una scelta: Governo sì, Governo no. Tutti col fiato sospeso ad attendere i risultati. Ciò è certamente emblematico di questo momento politico così difficile da decifrare.

Attendo l’esito di tutta la vicenda (non solo l’esito di Rousseau) prima di condividere compiutamente il mio pensiero e di illustrare le ragioni per le quali ritengo che quella di Renzi possa rivelarsi una mossa decisiva per il necessario squadernamento e per la altrettanto necessaria ridefinizione del quadro politico italiano.

Desidero però non associarmi al coro degli scandalizzati dalla consultazione interna al mondo grillino. Ma perché mai sarebbe uno scandalo? Un partito non può consultare la sua base? Dipende da “come” lo fa? C’è una regola fissa? C’è una legge che fissa le modalità? Si, ma non è ipersicura e ipercontrollata, si dice. Ma perché, quando il PD, ad esempio, consulta la sua base tramite i suoi circoli, ci sono sciami di inferociti notai a controllare? Ma di cosa parliamo? Si, ma la piattaforma è controllata da una SRL, si dice ancora. Ma menomale! Se invece fosse controllata dal gruppo degli amici del segretario, andrebbe bene? Si, ma la SRL é una società privata, si continua. E allora? E i partiti non sono forse associazioni provate? Si, ma la Costituzione di ce che decide il Parlamento, non una SRL, si continua imperterriti. Ma perché, c’è qualcuno che sostiene che la consultazione interna al M5S orienta il Parlamento e non  il Movimento stesso?

Fare antigrillismo con argomenti in stile grillino, è, questa sì, una deriva pericolosa.