La mossa del cavallo é niente senza l’arrocco

É vero, la mossa del cavallo é spiazzante e spesso pone in una posizione di vantaggio. Quali vantaggi si é assicurato Renzi grazie alla sua spregiudicata mossa del cavallo? Dando vita al Governo cosiddetto giallorosso, il leader di Italia Viva ha risparmiato al Paese lo scioglimento anticipato delle camere (rappresenta sempre un fallimento), ha arginato l’avanzata sovranista, si é preso il tempo per organizzare il proprio neonato partito, ha potuto dare vita al gruppo parlamentare di Italia Viva, si é garantito quella che un tempo si sarebbe chiamata “rendita di posizione”: contare tanto contando poco.

Un capolavoro? Dal punto di vista tattico, sì, senza dubbio. Ma questa famosa mossa del cavallo, comporta anche un prezzo? Eccome. Quale? Provo ad argomentarlo.

Italia Viva nasce con l’ambizione di costruire l’alternativa al populismo (di “destra” e di “sinistra”), dando vita a un centro riformista e liberale. Tale prospettiva, per essere credibile, implica la non appartenenza pregiudiziale a questo o quel campo politico e, di fatto, implica equidistanza dal populismo giustizialista e i suoi alleati di sinistra e dal populismo sovranista e i suoi alleati di destra. Solo questa equidistanza può avvicinare quel popolo dei senza casa che, a destra e a sinistra, non si riconosce in alcuna forma di populismo.

La partecipazione al Governo Giallorosso rappresenta, almeno temporaneamente, una rinuncia a questa strategia poiché posiziona invece Italia Viva in uno dei due campi, nel campo del cosiddetto centrosinistra, confermandone l’immagine di partito degli ex PD, il PD dei giusti.

Ulteriore conferma di questo posizionamento distonico rispetto al progetto iniziale, sarà la più che probabile partecipazione di Italia Viva alle alleanze PD-M5S sul piano regionale. Sì, é vero, potrebbero esserci delle eccezioni, come nel caso della Puglia, ma anche in questo caso, non si mette in discussione l’appartenenza al campo del centrosinistra, ma solo la qualità del candidato. Da questo punto di vista, l’appello della Ministra Bellanova ai “compagni del PD” per trovare un candidato comune, suona terribilmente emblematico.

Ecco perché la mossa del cavallo é di per sé insufficiente e potrebbe rivelarsi addirittura controproducente se non accompagnata da un’altra mossa, altrettanto spregiudicata, ma più coraggiosa: l’arrocco. In cosa consiste?

Se davvero Italia Viva vuole tenere fede al suo intento strategico originario, quello di costruire un centro innovatore, allora deve lavorare per mettere insieme chi, tanto a sinistra quanto a destra, propone una visione democratica, europeista, aperta all’emancipazione civile. Se nel campo del centrosinistra tale visione é proposta da Italia Viva, nel capo del centrodestra essa é proposta da Forza Italia. Ecco l’arrocco: convergere verso la costruzione del centro innovatore.

Certo, bisogna che entrambi i soggetti in gioco cambino linguaggio e la smettano di porsi come alternativa “alle destre” o “alla sinistra” e sappiano cogliere la missione storica che possono compiere: costruire, insieme, l’alternativa al populismo “di destra” e “di sinistra”.

Possibile? Difficile. Tanto Forza Italia quanto Italia Viva perderebbero il sostegno di chi in entrambi i partiti, in modo antistorico, continua a considerare prioritario il posizionamento nello schema destra/sinistra. Pazienza, é un prezzo da pagare, un prezzo che farebbe chiarezza e libererebbe energie. Berlusconi e Renzi potrebbero porsi come promotori dell’arrocco, come padri nobili, e magari lasciare spazio a una nuova leadership rappresentata da figure come Mara Carfagna e Maria Elena Boschi.

Fantapolitica? Forse sì. Per una mossa di questo genere non bastano la sagacia tattica e la spregiudicatezza, occorre un fortissimo senso della visione, ci vorrebbe il Berlusconi del ‘94. Lo so, quel Berlusconi non c’è più da un pezzo, ma chissà che il vecchio Berlusca non trovi nuove energie e non voglia davvero lasciare un segno prima del suo ritiro. Avrebbe senso. Chiuderebbe un cerchio. Sarebbe bello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...