L’Italia che non ha paura

Il nome che il PD ha scelto per la sua manifestazione del prossimo trenta settembre, “per l’Italia che non ha paura”, ha suscitato le reprimende di Carlo Calenda. Secondo l’ex ministro, infatti, le paure degli italiani andrebbero comprese e la manifestazione dovrebbe accogliere proprio chi ha paura e fornirgli delle risposte. Certo, il ragionamento sembra filare, ma a me quel nome, invece, piace molto. Riprende, credo volontariamente, un verso di una delle più belle canzoni di Francesco De Gregori, Viva l’Italia: “l’Italia con gli occhi asciutti nella notte scura, viva l’Italia, l’Italia che non ha paura”. Si, niente male.

Dal mio punto di vista, è necessario richiamare alla possibilità di non avere paura, al coraggio di esplorare il bello contenuto nel nuovo tempo e di dargli spazio. (…)

CONTINUA LA LETTURA SU STRADE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...